Highlights

Tumore al seno: le microcalcificazioni maligne hanno una firma biochimica specifica

Pavia, 6 Marzo 2020

 La scheda

Nel nostro corpo i processi di calcificazione sono fondamentali per dare forma alle nostre ossa ma esistono altre forme di calcificazione più o meno patologiche a livello di molti organi e tessuti, inclusi il rene, le arterie, la cistifellea e persino il cervello.

 02Il seno non fa eccezione. La presenza di microcalcificazioni rilevate alla mammografia è infatti uno dei primi segni della possibile comparsa del tumore al seno, sebbene la loro presenza non sia per forza associata a malignità. L’origine della loro formazione non è molto chiara ma certamente, in caso di microcalcificazioni “sospette”, viene indicata la biopsia della zona che le circonda perché si è osservato che se una lesione tumorale è presente, è più probabile che si trovi vicino a microcalcificazioni. Fortunatamente, più del 50% delle biopsie con microcalcificazioni indicano una lesione benigna, e quindi un falso allarme. D’altra parte, ne risulta che moltissime pazienti vengono sottoposte a biopsia, unico metodo ad oggi per accertare la malignità della lesione, anche nei casi in cui il tessuto risulta sano. Questo comporta un eccesso di procedure invasive, comunemente associate a stress, a disagi e, non ultimo, a costi elevati per il sistema sanitario.

Se fosse possibile identificare la malignità di una lesione senza sottoporre le pazienti a biopsia, o perlomeno riducendone il numero, avremmo raggiunto un importante risultato.

I ricercatori degli Istituti Clinici Scientifici Maugeri IRCCS di Pavia e dell’Università degli studi di Milano, in collaborazione con i colleghi dell’Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bari, dell’Università di Pavia e dell’Istituto Paul Scherrer, in Svizzera, hanno recentemente concluso uno studio, pubblicato su “Cancer Research”, per verificare l’esistenza di una correlazione tra le caratteristiche biochimiche delle microcalcificazioni e il tumore. A tal fine, i ricercatori hanno studiato circa 500 microcalcificazioni provenienti da biopsie con una diagnosi certa (sia maligne che benigne) attraverso il metodo spettroscopico di Raman imaging (basato sulla luce) che permette di studiare in dettaglio la composizione biochimica di un campione producendo delle mappe a più dimensioni altamente informative. In parallelo, i campioni sono stati analizzati in dettaglio attraverso microscopie a scansione con raggi-X per validare le natura cristallina delle calcificazioni.

Lo studio ha dimostrato che le microcalcificazioni associate al tumore hanno delle caratteristiche specifiche e differenti da quelle associate a lesione benigna. In particolare, si è osservato che le microcalcificazioni associate al tumore sono più omogenee e più “cristalline”, suggerendo che la loro formazione potrebbe essere dovuta a processi attivi e con tempistiche relativamente rapide, data l’evoluzione repentina del tumore. In aggiunta, si è visto che anche le microcalcificazioni situate a una relativa distanza dal tumore, e non solo quelle al suo interno, hanno caratteristiche di malignità. Questo suggerisce che il tumore condiziona e influenza il suo intorno creando un ambiente patologico anche a una relativa distanza dalle cellule propriamente tumorali.

Lo studio indica nuove possibili soluzioni diagnostiche che non necessitano di sottoporre le pazienti a biopsia. Infatti, il metodo Raman utilizzato in questo studio è compatibile con misure “in-vivo” e si può accoppiare con fibre ottiche poco invasive (micro-endoscopi) o con misurazioni che non richiedono di entrare nel tessuto. I prossimi passi saranno l’ottimizzazione e la validazione di questi strumenti, al fine di verificare la possibilità di studiare le microcalcificazioni direttamente nella mammella senza richiedere la rimozione della lesione sospetta.

Lo studio, è stato recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista “Cancer Research” dell’associazione americana della ricerca sul tumore (AACR).

Chi: Istituti Clinici Scientifici Maugeri IRCCS, Pavia; Università statale di Milano; Istituto di cristallografia (IC) del CNR, Bari; Università degli studi di Pavia; Paul Scherrer Institute, Svizzera.

Che cosa: Caratterizzazione biochimica e strutturale delle microcalcificazioni legate al tumore al seno - “Raman Spectroscopy reveals that biochemical composition of breast microcalcifications correlates with histopathological features”, https://cancerres.aacrjournals.org/content/early/2020/02/22/0008-5472.CAN-19-3204

Info: Renzo Vanna (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.); Fabio Corsi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.); Cinzia Giannini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Didascalia:

L’immagine mostra il vetrino istologico derivato dalla biopsia di un tumore. Nella zona colorata digitalmente si evidenzia in rosso la presenza di microcalcificazioni maligne.

CookiesAccept ita

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
©2019 Francesco Verginelli - CNR - All Rights Reserved. - DSCTM - P.le Aldo Moro, 7 - 00185 - Roma

Search